nov
02

Illustre Priore, Lei ritiene che oggi ci sia necessità di avere un secondo carnevale?

Da

Distinguiamo: per “shopping centers”, ipermercati, affitta costumi, truccatori, discoteche ed altri,  “halloween” è una seconda manna. Ho sentito che le spese connesse alla festa di  halloween raggiungono ogni anno i 400 milioni di euro. Certamente all’industria dei beni di consumo, a chi produce materiali connessi alla festa, ai locali pubblici ecc.  interessa che ci sia la festa, meglio se più di una. Per molti sarebbe fantastico se ce ne fosse una al mese, magari meglio ancora una la settimana. A costoro non interessa che essa avvenga in una data specifica.

La scelta della data è infatti tutta un’altra questione. La festività celtica di “Samhain”, termine che tradotto significa “la fine dell’estate,” cadeva nel periodo alla fine di Ottobre, quando il clima diventava più freddo. Questo periodo di “morte dell’estate” e del sole veniva visto dai celti come l’inizio del regno delle tenebre. Samhain era il giorno più ‘magico’ di tutto l’anno e continua ad essere il capodanno di tutto il mondo esoterico.

Mi risulta che la notte del 31 ottobre sia una data importante non solo per le culture celtiche ma anche per gli occultisti e per i satanisti. Non penso che questa festa  sia stata reintrodota, pompata e ripresa per turbare la festività cattolica di Ognissanti e dei Defunti anche se forze negative che vorrebbero fare scomparire la chiesa di Roma certamente esistono. E’ indubbio che Halloween ed Ognissanti avvengono lo stesso giorno. Una ricorrenza, Ognissanti è una festività fatta di riflessione, di preghiera, di ricordo, giornata  da passare in casa mentre l’altra (Halloween) è tutta sfrenatezza, rumore, ballo; una festa cernevalesca da pasare con gli amici bevendo e scherzando.

Non è difficile pensare che i bambini siano più attratti dalla seconda. Da quanto mi risulta gli adulti non partecipano, se non in minima misura, ad Halloween. Non dimentichiamoci però che i bambini, oggetto di un bombardamento mediaco al fine di farli aderire a questa festa, saranno gli uomini di domani e gli adulti di oggi domani saranno assenti.